SAMODZIELNA PRACOWNIA INFORMACJI OBRAZOWEJ
Marek Ostrowski
tel. kom. (+48) 602 760031
SAMPER sci-art

www.samper.pl
SAMPER LOGO
Drukuj
La Polonia dal Volo di un’Aquila

LA POLONIA DAL VOLO DI UN'AQUILA

L'aquila che vola alto nel cielo è il simbolo di libertà, forza e bellezza maestosa. Tale aquila su uno scudo rosso è lo stemma della Repubblica di Polonia. La veduta, dalla prospettiva del volo di un'aquila che vola alto nel cielo, sul territorio, di cui è allo stesso tempo il simbolo storico, sembra essere particolarmente interessante.

La mostra "La Polonia dal volo di un'aquila" mostra lo spazio da una prospettiva inacessibile per la maggior parte delle persone, ma estremamente stimolante. Le fotografie aeree - come ritiene il loro autore Dot. Ric. Marek Ostrowski - non sono solamente una tecnica fotografica, ma sopratutto un modo di pensare. Più in alto saliamo, più ampi diventano gli orizzonti dei nostri pensieri. Lo stesso succede quando penetriamo più in profondità in ciò, che avevamo conosciuto finora.

Dot. Ric. Marek Ostrowski è dipendente del Dipartimento di Biologia all'Università di Varsavia, membro della Commissione per la Ricerca Spaziale e Satellitare dell'Accademia Polacca delle Scienze, i quali insieme all'Ufficio dell'Educazione della Città di Varsavia sono gli sponsor della mostra. Da decenni è impegnato nelle ricerche scientifiche sull'informazione per immagini e sull'illustrazione in diverse gamme della radiazione elettromagnetica e in diversa scala dal livello molecolare fino alle immagini satellitari. Gran parte della sua attività scientifica e creativa è legata alle ricerche aeree e satellitari. Le sue fotografie aeree sono documentazione scientifica, strumento della ricerca ma allo stesso tempo incantano con l'estetica e la composizione. Particolarmente interessanti sono le nuove e sorprendenti interpretazioni dei contenuti delle fotografie che permettono di scoprire i nuovi significati e contesti. Le fotografie e le loro interpretazioni sono ricche di informazioni sia sullo spazio che... su no stessi. Spesso dalle immagini vengono costruite in uno spazio reale intere mostre-città con decine di vie e piazze tematiche. Queste fotografie vengono lette come un romanzo, a volte come una poesia e allo stesso tempo come una pubblicazione scientifica che agisce sul nostro intelletto sia direttamente che indirettamento attraverso le emozioni.

L'autore di decine di mostre di grande formato, di numerosi premiati album di fotografia aerea, creatore del corso di Varsavianistica - Conoscenza della Città e del progetto di educativo Trittico di Educazione di Varsavia che rappresenta un nuovo modello di scuola e di insegnamento. Più informazioni: ProjektWarszawa.org, Warsaw Education Triptych.

La mostra presenta la Polonia - il paese che in questo semestre è alla guida del Consiglio dell'Unione Europea, i suoi paesaggi naturali e culturali e le loro interpretazioni. La Polonia è un paese estremamente bello dal punto di vista della natura, ricco di storia e tradizioni e che più volte si è inscritto in modo encomiabile nelle tradizioni d'Europa.

La mostra è stata organizzata dal Comitato Organizzatore del Semestre Polacco presso Joint Research Center a Ispra in occasione della presidenza polacca del Consiglio dell'Unione Europea.

La mostra sarà accompagnata da una conferenza:
parte I introduttiva
Informazione per immagini - guida sullo spazio e sul cervello
parte II
Polonia, Varsavia, Scuola di Varsavia

La conferenza si terrà nel Circolo Velico di Cerro.

Contatto con l'autore: samper@samper.pl, http://www.samper.pl, http://projektwarszawa.org



INVITO A VISITARE LA POLONIA

Polonia - la terra tra il Mar Baltico e I Monti Tatra, uno dei paesi dell'Europa unita. Nella foto il Golfo di Danzica - Finestra sul mondo marino. In lontananza, la penisola di Hel.


PENISOLA DI HEL

Lingua di terra creata dalle correnti oceaniche del Mar Baltico. Questa è la parte più settentrionale della Polonia.


ROVINE DELLA CHIESA A TRZĘSACZ

La foto mostra la dinamica dei confini costieri e i resti della chiesa costruita nel XV secolo, a quel tempo a 2 km dalla costa.


ESTUARIO DEL FIUME PIAŚNICA

Le Bellissime spiagge di sabbia sono una tradizionale meta di vacanza a contatto con la natura. Colore del flusso di acqua corrente verso il mare viene dal humus.


DUNE DEL SŁOWIŃSKI PARCO NAZIONALE

Une delle più grandi dune in Europa, vengono spostate alla velocita di 2-10 m / anno. Sulla foto una delle più alte - la duna Lącka (45 m), sullo sfondo altre dune: Gapa Mala i Pajęcza. La foto fa parte della prima foto mappa digitale a colori del 1994.


GOLFO MARITTIMA

Lago Drużn - i resti della grande baia del mare di mille anni fa e il vecchio delta della Vistola. Żulawy è l'unica parte della Polonia dove ci sono depressioni.


WARMIA, MAZURY

La Polonia settentrionale è una pittoresca regione di laghi postglaciali, il più grande di questi laghi si trovano nella parte orientale della Polonia nel Mazury. NElla foto un lago di medie dimensioni lago Kisajno, in secondo piano il lago Dargin. Distretto dei Laghi di Mazury è il candidato polacco all' edizione del concorso internazionale 'Fondazione New7Wonders' concorso per LE Nuove 7 Meraviglie della Natura.


LAGO TUCHLIN, MAZURY

Una delle isole di Mazury abitata dai cormorani.


WIGRY PARCO NAZIONALE

La vita del congelamento dell'acqua del lago Omólówek mostra le dinamiche delle turbolenze dei flussi di acqua all'interno della profondità del lago. Sulla superficie di ghiaccio si vedono anche i segni del percorso dei pescatori.


LAGO SMOLAK, MAZURY

Lago Smolak nell'ultima fase della successione. Nella sua 'morte' è sempre affascinante. La grande arte nella vita è essere in grado di invecchiare splendidamente.


LAGO DEL PASSATO

Prima fase della formazione della torba. In lontananza, il lago glaciale Buwelno.


PARCO NAZIONALE PALUDI DI BIEBRZA

La valle del fiume Biebrza LUNGA cento chilometri è una dei più grandi aree di paludi e torbiere d'Europa. E' anche un dei più grandi rifugi della natura selvatica in Europa. Queste aree non accessibili all'essere humano sono un paradiso per gli uccelli. Sono state osservate qui oltre duecentocinquanta specie di uccelli.


BELCHATÓW - MINIERE APERTO DI CARBONE

Il più ricco e più giovane deposito di carbone D' Europa. Fonte di energia per l'uomo, ma allo stesso tempo una causa del degrado dell'ambiente naturale.


MINIERE DI ZOLFO A GRZYBÓW

Depositi di zolfo sono stati formati nei processi microbiotici come prodotto della decomposizione di solfati (ad esempio gesso). Lo sfruttamento dello zolfo fatto usando un processo di fusione sotterraneo sviluppato in Polonia.


FOSSA DI FIFIUTI DECANTATI DI RAME, LUBIN

Rame e altri molti elementi rari che accompagnano i minerali di rame consentono lo sviluppo di molte tecnologie moderne. Nella foto le batterie nel processo di riciclaggio dei rifiuti per recuperare i residui di rame e argento tossici per l'ambiente (brevetto biotech).


VISTOLA CENTRALE

Milioni di anni fa il territorio polacco era coperto da acque oceaniche calde dove si svilupava la vita. Le rocce sedimentarie della valle del fiume che vengono dal Cretaceo e Terziario sono resti di quel questo periodo. I sedimenti visualizzati come una banca alta della valle sono formate dai resti di organismi marini. Nei prati del fondo del vecchio oceano gli artisti creano opere visibili dalla scarpata.


MAZOWSZE (MAZOVIA)

Brwinów - l'area di un grande bacino d'acciaio del I-II secolo, con decine di migliaia di forni che si trovano 50 cm sotto la superficie di tutta la città. Sulla foto si trova un frammento con le tracce DEI calchi di decine di stufe. L'Acciaio fuso è stato utilizzato per fermare l'espansione dell'Impero Romano. Mazovia occidentale quindi puo' essrere considerata come una regione economicamente avanzata che ha influenzato direttamente le sorti politiche d'Europa.


SCARPATA DOBRSKA

Bordo tettonico che separa la pianura Belżycka e il basin Chodelska. L'immagine del tipico paesaggio agricolo visible sullo Sfondo della foto era rappresentato sui vestiti del passato in molte regioni della Polonia centrale. Il paesaggio naturale diventa un paesaggio culturale. Sul lato una Łowiczanka di 100 ANNI - Marianna Gać di Tomala.


BASSOPIANI DELLA POLONIA CENTRALE

Caratteristico paesaggio agricolo della Polonia Centrale. L'agricoltura intensiva ha fatto sparire anche le strisce di alberi ai limiti dei campi. Gli uccelli, naturali alleati dei contadini nella battaglia contro gli insetti, scompaiono non trovando rifugio e posti per nidificare. Questo è il nuovo aspetto del paesaggio culturale. Un singolo albero diventa il simbolo di espansione dell'uomo.


"SVIZZERA DI CASCIUBIA"

L'incantevole paesaggio di individuali aziende agricole situate sui pendii di piccole colline.


LA CONFLUENZA DI BIEBRZA E NAREW

Prati naturali e tracce di lanche e reti fluviali storiche. In queste aree regnano le cicogne - un genere che in Polonia gode di una particolare simpatia, considerato un caro amico. Viene associato ai colori nazionali, alla libertà, alla natura.


FIUME WELNA I NIELBA

Un unico al mondo incrocio di due fiumi che si attraversano a vicenda, ma le loro acque non si mescolano.


PONTE SUL FIUME E GRATTACIELI

Un piccolo fiume - un ponte storico. Il suo autore è Stefan Bryla, professore dell'Universitá Politecnica di Varsavia. Il ponte sul fiume Sludwia è il primo ponte di ferro al mondo realizzato con la tecnologia di saldatura. Il ponte saldato, molto piú leggero delle construzioni con giunti rivettati, ha dato l'inizio alla costruzione e a tutta la nuova era dei grattacieli, dei quali è diventato simbolo.


NAVI IN MOVIMENTO SULLA TERRA

Il canale di Elbląg, costruito nella seconda metà del XIX secolo (progettato dall' ing. J. Steenke) è l'unico nel suo genere in Europa. Sulla distanza di 10 km bisognava superare un dislivello di 100 m. Il problema è stato risolto con la costruzione di un canale d'acqua ... a scaletta. Nelle sezioni orizzontali le navi navigano nei canali, mentre superano le pendenze delle consecutive colline venendo trasportate su speciali piattaforme.


VISTOLA - IL PIU BEL FIUME D'EUROPA

Vistola, chiamata la regina dei fiumi polacchi, è l'ultimo dei grandi fiumi d'Europa conservati in un tale stato naturale. Il suo paesaggio è creato da sponde ricoperte di vegetazione fluviale, numerose isole e banchi di sabbia che hanno un valore senza pari nel resto d'Europa. La valle di Vistola è uno dei corridoi ecologici europei.


VISTOLA INDOCILE

Alcune parti della Vistola sono state limitate da banchi di terra che proteggono contro le alluvioni. Purtroppo di tanto in tanto, durante improvvisi innalzamenti dell'acqua, i banchi non resistono alla pressione dell'acqua. Conseguentemente, larghe aree di vecchi polder situati nella valle vengono allagati dall'inondazione.


CASUS PILCE

Potenti inondazioni infrangono il fondo solido a tal punto che, insieme con il terreno possono grondare anche interi villaggi. La foto presenta la liquidazione, a causa dell'instabilità della terra, di un intero villaggio ricostruito dopo un a precedente inondazione.


ARCHITETTURA DEI LAGHI

I stagni di Milicz (Bassa Slesia). Frammento di un grande complesso di 285 peschiere situato nella valle del fiume Barycz. Insediati dai monaci cistercensi giá nel XIII secolo, i stagni di Milicz sono il più grande centro europeo per l'allevamento delle carpe, e una delle riserve ornitologiche più famose in Europa.


I SEMINATORI DI CALCE

Ogni un paio d'anni le peschiere devono essere disinfettate. L'acqua viene drenata e quando il livello nel serbatoio è basso, sul terreno infido salgono i lavoratori e manuamlmente, con movimenti caratteristici, spargono la calce che disinfetta e deacidifica i sedimenti e i fanghi.


IL DESERTO BLĘDOWSKA

Il residuo di un'antica duna dell'era glaciale. Fino a poco tempo fa fu l'unico deserto in Polonia. Durante i giorni torridi, anche qui si poteva intravedere il fenomeno della Fata Morgana. Oggi è stata sottoposta a rimboschimento.


ZATTERE

Le foreste sono una delle ricchezze della Polonia. Il legno da esse ricavato, ove possibile, fu trasportato con il corso d'acqua. I tronchi degli alberi che galleggiavano erano legati in zattere. La foto presenta i tronchi galleggianti nei pressi di una segheria.


TRACCE DI VISITATORI DALLO SPAZIO

In tutto il mondo si conosce solo 16 posti dove i meteoriti caddero sulla Terra, di cui solo due in Europa. Uno di essi, l'unico in Polonia, è la riserva a Morasko vicino a Poznań. Le nicchie nel bosco sono tracce di minicrateri formati dopo la caduta di un meteorite, che ebbe luogo circa 5 mila anni fa. Attualmente sono riempiti di acqua. Il più grande cratere ha 60 metri di diametro e 11 metri di profondità.


FRAMMENTO DI PIENINY KLIPPEN BELT

Coni di roccia calcarea che sporgono sopra il circostante flysch dei monti Carpazi. Nella parte inferiore della foto, il castello di Niedzica e la diga sul Dunajec.


ŚNIEŻKA

La Montagna Magica si trova nella catena dei Monti dei Giganti (pol. Karkonosze) ed è anche la cima più alta dei Sudeti (1602 m s.l.m.). La sua caratteristica forma di cono roccioso è legata alla stuttura geologica (roccia metamorfica chiamata cornubiatite). Sulla sua cima percorre la frontiera polacco-ceca.


TARNICA, BIESZCZADY

Monti Bieszczady - le montagne dei sognatori, pionieri, colonizzatori, avventurieri in cerca della libertà, fuorilegge in fuga dalla civiltà. Nella foto: prati di montagna (pol. poloniny) caratteristici per i Bieszczady.


VALLE DI NAREW VICINO A LOMŻA

La ricchezza di forme geomorfologiche della valle del fiume e delle attività umane. L'ampio roccaforte medievale circondato da mura del borgo si integra perfettamente nel paesaggio naturale.


CRACOVIA - LA STORICA CAPITALE POLACCA

In primo piano Wawel - una collina composta da calcare del Giurassico superiore. Sulla cima il castello - dall'XI al XVIII secolo sede, luogo di incoronazione e sepoltura dei re polacchi. l'anello verde attorno alla Città Vecchia, l'ex borgo, è un parco circolare che si chiama Planty.


CASTELLI SU RILEVI DI CALCARE

Ia serie di castelli da diffesa è stata costruita nel XIV secolo durante il regno del re Casimiro il Grande, che "ha trovato una Polonia costruita in legno, e lasciato una Polonia costruita con i mattoni", come un sistema protettivo per le rotte commerciali e come confine della regione Malopolska. Tali castelli e fortezze sono situati in modo pittoresco su alte scogliere (da cui il nome - Nida d'Aquila). Nella foto / Olsztyn - rovine di un castello costruito in pietra calcarea locale.


MALBORK - IL PIU POTENTE DEI CASTELLI TEUTONICI

La fortezza costituita da tre parti fu costruita tra il 1278 e il 1280, e per la sua costruzione sono stati utilizzati quasi 5 milioni di mattoni. Dal 1309 al 1457, fu sede del Gran Maestro dell'Ordine Teutonico del l'Ospedale di S. Maria della Casa tedesca in Gerusalemme (Ordo fratrum domus hospitalis Sanctae Mariae Theutonicorum a Gerusalemme), e la città la capitale dello stato monastico.


LA BATTAGLIA DI GRUNWALD

Una delle più grandi battaglie dell'Europa medievale ha avuto luogo il 15 luglio 1410 tra gli eserciti dei cavalieri teutonici supportati dai cavalieri dell'Europa occidentale, e le forze congiunte di Polonia e Lituania, sotto il comando del re polacco Wladyslaw II Jagiello. La guerra finì con la vittoria delle truppe polacco-lituane e la sconfitta delle forze dei Cavalieri Teutonici. Ogni anno per ricordare questo evento si organizzano sui campi di battaglia di Grunwald delle ricostruzioni della famosa battaglia.


LA FORTEZZA DEL MONTE D'ARGENTO

Le Montagne dei Gufi, la serie più antica di montagne, nascondono molti segreti, non solo geologici. La Fortezza del Monte d'Argento fu costruita dal re Federico II di Prussia per la guardia dei valichi. Mai conquistata, è ormai diventata un monumento dell'arte della guerra.

Durante la seconda guerra mondiale nella roccia dura della Montagne de Gufi i tedeschi hanno iniziato a scavare chilometri di gallerie e fabbriche giganti. Si trattava della realizzazione di un piano segreto chiamato "Riese".



POZNAN - CAPITALE DELLA WIELKOPOLSKA

Sede della Fiera Internazionale di Poznan. Nella foto - il municipio rinascimentale, dove insieme alla "chiamata a raccolta" eseguita con la tromba a mezzogiorno appaiono le capre lottanti, e costituiscono un'attrazione turistica e uno dei tanti simboli della città.


TORUŃ - CITTA' DI COPERNICO E DEI FAMOSI PAN DI ZENZERO

Torun - una delle più antiche città polacche. Luogo di nascita di Niccolò Copernico (1473) - astronomo, matematico, medico, economista, autore del "De revolutionibus orbium coelestium". La città vecchia di Torun appartiene alla lista dei siti Patrimonio Mondiale dell'Umanità dell'UNESCO.


DANZICA - CAPITALE MARITTIMA POLACCA

Città portuale, l'ex città reale. Apparteneva alla Lega Anseatica - un insieme di città commerciali dell'Europa settentrionale e del Mar Baltico. La parte più antica della città: città principale e la città vecchia sono state distrutte per 80% alla fine della seconda guerra mondiale. Visibile al centro della foto la Basilica di Maria è il più grande tempio medievale d'Europa fatto con mattoni. Danzica è un luogo e un simbolo della seconda guerra mondiale, la nascita di Solidarnosc e la caduta del comunismo in Europa centrale.


SULMIERZYCE

Una delle forme spaziali tradizionali delle aziende agricole di piccoli insediamenti rurali della Polonia centrale. L'assetto urbanistico del paese riflette e allo stesso tempo sviluppa i sistemi sociali locali e aggregazioni fra i vicini.


QUO VADIS

I sensi servono alla conoscenza del mondo. Ma i sensi, e di conseguenza la nostra mente, si pùo confondere creando dei mondi inesistenti. Il linguaggio specifico ha generato il cinema e il teatro. Grazie a loro, attraverso la finzione, entriamo nella realtà.

Nella foto la scenografia per il film di Jerzy Kawalerowicz "Quo Vadis", basato sul romanzo dello scrittore polacco, Premio Nobel, Henryk Sienkiewicz. Tra capannoni industriali del XX secolo nasce l'antica Roma di Nerone. Si può vedere il tempio, la casa di Vinicio, la casa di Chilone, e persino il ponte sul Tevere. La scenografia si e' bruciata alla fine delle riprese del film.



FUOCO

Il fuoco non distrugge ormai più intere città, come nel Medioevo, ma per una singola famiglia che perde tutti i beni di una vita o le realizzazioni del raccolto di un'anno, è una tragedia.


COME CASTELLO SULLA LOIRA

IL Castello di Goluchow del XVI secolo situato sul fiume Ciemna ricorda lo stile della architettura dei castelli della Loira. Le sue attrazioni sono non solo il castello e le collezioni meravigliose che si trovano dentro. Di grandissimo valore è anche il parco. Su 160 ettari crescono più di 1000 specie di alberi e arbusti che formano un vasto arboreto. Si trova qui l'unico museo europeo del settore forestale.


UNIONE POLACCO-LITUANA - PRECURSORE DELL'UNIONE EUROPEA

Nel luglio del 1569 a Lublin, è stata creata l'unione interstatale del rango speciale. Una delle conseguenze delle disposizioni dell'unione è stata quelle d'istituire la Repubblica della Corona Polacca e il Granducato di Lituania con un unico sovrano straniero e un capostato, nominato dal parlamento comune. L'Unione Polacco-Lituana è diventata una delle prime vere unioni europee transnazionali e sovranazionali. E' stata una delle più durature precursore della moderna stabilità dell'Unione europea. Questa unione durò fino alla divisione della Polonia alla fine del secolo XVIII.

Nella foto il castello di Lublino - il luogo della firma dell'atto dell'Unione, e l'originale dell'atto dell'Unione di Lublino.



CZĘSTOCHOWA

Monastero-fortezza chiamato Fortalitium Marianum ha permesso di sopportare nel 1655 l'assedio di 40 giorni dell'esercito svedese durante la grande invasione della Polonia, popolarmente noto come il Diluvio svedese. Spettacolare la difesa di Jasna Gora chi ha spinto l'intera nazione a combattere e a vincere gli svedesi. Da allora si e' rafforzato il culto della Madonna di Jasna Gora, e la roccaforte di Jasna Gora divento' non solo un centro militare e luogo di culto religioso, ma anche il centro del patriottismo e delle tradizioni nazionali.


INCIDENTE DI GLEIWITZ

La stazione Radio Gliwice costruita nell'anno 1935, con una altezza di 110 m è il più alto edificio in legno del mondo. Prima della guerra, apparteneva al Terzo Reich. La stazione è stata il teatro della provocazione tedesca (sanguinoso finto attacco dei tedeschi che fingevano di essere polacchi), inscenato il 31 Agosto del 1939 alle ore 20 - questo evento è stato utilizzato come una prova di un attacco aggressivo polacco allo stato tedesco, che non poteva rimanere senza risposta. Qualche ora dopo, le truppe tedesche hanno invaso il suolo polacco. La seconda guerra mondiale è scoppiata.


DALL'OVEST SONO ARRIVATE DELLE NUVOLE SCURE SULLA POLONIA

Danzica - 1 Settembre 1939 - una cannonata dalla corazzata tedescha Schleswig-Holstein, ufficialmente a Danzica per una visita di cortesia alla Polonia, lanciata dal mare, come si vede dall'immagine, verso la penisola di Westerplatte ha fatto iniziare la seconda guerra mondiale. La diffesa di Westerplatte dai soldati polacchi è uno dei simboli più famosi della resistenza polacca.


CULLA DI SOLIDARNOSC

Qui nel porto di Danzica, il 31 agosto 1980, sono stati firmati gli accordi (chiamati ufficialmente "gli accordi di agosto") tra il governo e gli operai che concludevano un'ondata nazionale di scioperi e proteste. Gli eventi di Danzica sono stati l'inizio di una rivoluzione per confutare il sistema comunista nell'Europa dell'Est. L'icona della solidarietà e' elettricista Lech Walesa, Nobel per la Pace, uno dei presidenti della Repubblicha Polacca, che vive ancora oggi a Danzica.


L'ISOLA DEI POMODORI

Avente la forma di un uccello, l'isola dei pomodori sulla Vistola nel bel mezzo del centro di Varsavia, scoperta e descritta dall'autore della fotografia, è uno degli esempi di antropogenesi - relazione tra la città e la Vistola. Lo strato di “erba" verde chiaro non è altro che decine di migliaia di piantine esclusivamente di pomodoro. Da dove provengono? Sugli straordinari fenomeni di successione scoperti nelle fotografie aeree e sulla genesi e la storia dell'isola dei pomodori possiamo leggere nelle pubblicazioni scientifiche e nell'album “L'aspetto di Sava".


JEWELS OF THE VISTULA

From time to time, the Vistula, as befits the queen of North European rivers, wears beautiful jewels. On the photo - ice crystals from the Vistula collection dedicated to Ladies. The photo was taken in the Kępa Potocka area of Warsaw. Perhaps they will inspire some jewellery designer or graphic artist?


THE VISTULA RIVER IN WARSAW

The natural character of the Vistula river-bed close to Warsaw and the continual refreshing of the river's bottom layer of sand and gravel by the current, favour the natural process of water cleaning. The great Warsaw agglomeration makes use of this pure water.


PARCO DI LAZIENKI

Uno dei più grandi parchi d'Europa - il Parco di Lazienki. La residenza estiva del re Stanislao II Augusto Poniatowski fondata a cavallo del XVI e XVII secolo sul terreno del vecchio giardino zoologico presso il castello Ujazdowski, precedentemente usato per la caccia dai principi di Masovia. Nella foto il Palazzo sull'acqua, l'anfiteatro sull'isola e, per gli osservatori perspicaci, la banca di carpe reali nel laghetto.


POMERIGGIO SULL'ERBA

L'impressionismo contemporaneo. Un torrido pomeriggio di domenica. Ovviamente nel Giardino Sassone. L'estrazione di un oggetto dall'ambiente cambia il contesto e l'immagine divente un'entità autonoma. La fotografia presentata è un ingrandimento molto elevato. Il personaggio nella pellicola analogica è fisicamente appena un punto grande un millimetro.


ASSE SASSONE

L'Asse Sassone - il più grande e il più bel presupposto urbanistico di barocco di Varsavia a cavallo del XVII e XVIII secolo. La parte più importante è l'asse urbanistica lunga un chilometro e mezzo, dove sono state progettate numerose costruzioni, tra cui un esteso parco chiamato il Giardino Sassone. Ai margini del parco, sull'asse, si trova la Tomba del Milite Ignoto. Nella fotografia il Giardino Sassone, questa volta in una notte d'autunno.


LO STESSO PARCO, ANCHE SE DIVERSO

Apparentemente lo stesso parco, che si vede nelle fotografie ai lati. Ogni cambiamento del punto di vista crea però nuove realtà - questo si riferisce anche alle scoperte scientifiche. Nella fotografia il Giardino Sassone, questa volta in una notte d'autunno.


PIAZZA DELL'OROLOGIO

La colonna con la statua del re Sigismondo III Vasa - uno dei simboli di Varsavia, questa volta da una prospettiva inacessibile ai turisti. L'immagine “L'orologio di Sigismondo" è la trasformazione artistica di tante ombre della colonna, registrate durante 15 voli fotogrammetrici effettuati ogni ora in un unico giorno con la precisione del volo sopra la colonna di un metro.


DNA

Il motivo del Picnic Scientifico organizzato dalla Radio BIS nel 2003 era il contemporaneo anniversario di due eventi: il 50° anniversario della scoperta dell'elica del DNA e il 100° anniversario del primo volo. E' possibile esprimere in una fotografia due tematiche talmente differenti concettualmente e con la scala che va dalla molecorale fino a quella aerea? Un pò di immaginazione creativa e in questo modo è stata fatta la fotografia aerea dell'elica del DNA, dentro la quale si sono posizionati in modo spontaneo i partecipanti del picnic.


DUE SOLI

L'esplorazione dell'Universo allarga gli orizzonti del sapere, cambia vedute sulla genesi e sulle forme di vita e trovando un nuovo punto di riferimento nello spaziotempo, permette di guardare la Terra in modo diverso. Nella fotografia il cielo sopra Varsavia durante l'eclissi del sole nell'agosto del 1999. Vale la pena di riflettere su dove si trovi l'immagine del Sole. L'analisi di questa fotografia è uno dei compiti di fisica e di geografia presso la Scuola di Varsavia e il Trittico di Educazione di Varsavia.


ILLUSTRARE UN'IDEA

La fotografia simboleggia la capacità di selezione e la concentrazione parziale sulle tematiche scelte. Il traffico isolato dal contesto materiale permette di concentrarsi solamente sull'idea e sulla strategia del traffico, ciò che possiamo migliorare in esso oppure quali soluzioni innovative adottare. Soltanto in seguito bisogna collegarlo alla realtà materiale e riflettere su dove si trovi l'incrocio rappresentato nella fotografia.


IL VIALE DELLE PASSIONI INTERESSANTI

Passione - calcio. Nella fotografia lo stadio del Polonia a Varsavia.


FEDE E LIBERAZIONE

In questo luogo, nel 1979, il Papa Giovanni Paolo II pronunciò le parole storiche: «E grido io, figlio di terra polacca, ed insieme io, Giovanni Paolo II Papa, grido alla vigilia di Pentecoste: scenda il tuo spirito e rinnovi la faccia della terra, di questa terra». Queste parole, pronunciate a Varsavia furono una delle cause scatenanti la rivoluzione di Solidarnosc, l'onda della quale in seguito liberò dal communismo l'intera Europa Centrale.


GRANDE ORCHESTRA

XIV Finale della Grande Orchestra Festiva di Solidarietà di Jerzy Owsiak nella Piazza Defilad a Varsavia terminato con un happening dell'invio di una piccola luce al cielo. L'idea di questo progetto di beneficenza, in cui sono coinvolti gli adolescenti e i bambini, la sua grandezza e continuità sono un fenomeno su scala europea.


ROSSO SIGNIFICA VERDE

La radiazione infrarossa riflessa dalla clorofilla viene registrata sul filmato IR sotto la forma del colore rosso. Più le piante sono in migliori condizioni, più intensamente riflettono i raggi infrarossi. Il panorama infrarosso mostra Varsavia piena di verde sano.


SPAZIOTEMPO: ALL'EST DALL'OVEST

Un panorama non solo dello spazio ma allo stesso tempo anche del tempo. La fotografia è l'effetto di due ore di scansione dello spazio dal momento del tramonto del sole (geograficamente nella direzione Ovest) fino alla notte (nella direzione Est).


IL PANORAMA DI VARSAVIA A CAVALLO TRA I SECOLI

La miniatura del quadro del Panorama di Varsavia - il più grande in quel periodo panorama sferico di una città con una forma innovativa di riproduzione della prospettiva.

Presentata nell'Anno Nuovo all'inizio del XXI secolo e del terzo Millennio. Lo scopo del panorama era quello di creare un'immagine documentaria di quel periodo.

Il panorama è diventato il punto di svolta che permette la penetrazione dell'ampiamente compreso spazio urbano - è diventato il punto di partenza per la creazione di una moderna banca dati di immagini di Varsavia.

http://panorama.varsovia.pl/widok/



LA RESIDENZA DEL RE È PROPRIETÁ DELLA REPUBBLICA

Al posto del castello ducale in legno e terra all'inizio del XV secolo fu costruita la residenza murata del duca, la quale con il passare del tempo si trasformò nella residenza reale. Il Castello Reale di Varsavia non era di proprietà del re ma della repubblica. Il re vi aveva solamente la propria residenza e ciò differenziava il castello di Varsavia da altri castelli reali nel mondo. Per questo motivo correttamante veniva chiamato il Castello della Sua Maestà e della Repubblica.

Il castello era la sede ufficiale del re, ma allo stesso tempo era qui che risedeva e svolgeva le proprie sessioni il Parlamento della Repubblica e inoltre si trovavano gli uffici della corona.



PALAZZO PRESIDENZIALE

La sede del Presidente della Repubblica di Polonia. Nel periodo antecedente le insurrezioni (fino all'anno 1831) la sede del Parlamento del Regno di Polonia e successivamente del Parlamento Provinciale di Varsavia. Durante gli anni della II Repubblica e della Repubblica Popolare di Polonia la sede del Consiglio dei Ministri.

In questo edificio fu firmato nel 1955 il Patto di Varsavia e nel 1989 furono condotte le trattative della Tavola Rotonda - trasferimento del potere senza spargimento del sangue.



IL CENTRO DI SCIENZE COPERNICO

In primo piano, presso la riva della Vistola, si trova uno dei più moderni tecnologicamente e uno dei più interessanti architettonicamente laboratori di sapere europei. Qui tutti, senza distinzione di età, possono fare esperimenti da soli e nel moderno planetario spostarsi nello spaziotempo del micro e del macrocosmo, nel profondo degli abissi degli oceani e tornare in tempo fino agli inizi della vita. E' un altro punto di riferimento interessante, dalla prospettiva del quale è possibile fare uno sguardo su Varsavia e sulla Polonia.


PANORAMA DEI MONTI TATRA

La Polonia si estende dal Baltico al Tatra. Uno sguardo sulle montagne Tatra durante un viaggio in mongolfiera e un volo sulle cime dei monti Tatra - le montagne più alte in Polonia, simbolicamente concludono il viaggio in Polonia iniziato sul Mar Baltico.


 
© 2017 SAMPER / SCI-ART